City Birds: Big-Brained con pochi discendenti o Small-Brained con molto

Finché gli umani hanno costruito città, la fauna selvatica è fuggita da loro. Dopotutto, le città sono rumorose, affollate e pericolose per gli animali, compresi molti uccelli. Ma sappiamo che alcuni uccelli fanno molto bene nelle aree urbane.

“Quindi in molte città abbiamo piccioni o colombe, qualsiasi tipo di specie di corvo.”

Ferran Sayol, biologa dell’Università di Göteborg. Lui e i suoi colleghi sono interessati al motivo per cui alcuni uccelli prosperano negli ambienti urbani. Sospettavano che avere un cervello grande in relazione alle dimensioni del corpo potesse essere un vantaggio.

“Avere un cervello grande ti offre maggiore flessibilità comportamentale. Quindi, ad esempio, nelle città, forse queste specie dal cervello grande sono in grado di identificare meglio le opportunità di trovare cibo, e anche di identificare i pericoli in città. ”

Ma questo scenario non tiene conto degli uccelli come i piccioni, che sono decisamente carente nel dipartimento delle capacità cerebrali.

Sayol e i suoi colleghi hanno analizzato le dimensioni relative del cervello di 629 specie di uccelli da 27 città di tutto il mondo, nonché la loro tolleranza per la vita urbana. Hanno scoperto che gli uccelli che prosperano nelle città arrivano in due estremi: o hanno il cervello grande, ma producono pochi discendenti durante la loro vita o sono piccoli cervelli e superfertile.

“Quindi, questo significa che abbiamo queste due strategie opposte. Quindi per le specie che hanno una bassa frequenza di riproduzione, se hanno un cervello grande, sono buoni abitanti delle città. Oppure hai un cervello piccolo, ma ti riproduci frequentemente. Ad esempio, i piccioni: se iniziano a riprodursi e se perdono queste uova, possono ricominciare a riprodursi quasi immediatamente. È come diffondere il rischio. Quindi se ne perdi uno, non è un grosso problema. “

Sayol afferma che entrambi questi esempi estremi di quelle che sono tecnicamente conosciute come strategie di storia della vita tendono ad essere poco comuni in natura.

“Quando andiamo in città, iniziamo a vedere che le poche specie che hanno queste strategie diventano sempre più abbondanti.”

Nel frattempo, negli habitat naturali, la stragrande maggioranza degli uccelli ha cervelli di taglia media.

“Quelli che hanno un cervello medio, sono sempre meno abbondanti nelle città.”

Lo studio è sul diario Frontiers in Ecology and Evolution.[FerranSayoletal[FerranSayol etalLe dimensioni del cervello e la storia della vita interagiscono per prevedere la tolleranza urbana negli uccelli]

Comprendere come interagiscono le dimensioni del cervello, la flessibilità comportamentale e i tratti della storia della vita può aiutare i ricercatori a prevedere in che modo le specie risponderanno a un pianeta in rapida urbanizzazione, dove la sopravvivenza può significare portarla agli estremi.

—Susanne Bard

[[Il testo sopra è una trascrizione di questo podcast.]

About admin

Check Also

I cambiamenti costanti tra gli stati mentali segnano una firma della coscienza

Immagina di guidare per lavorare lungo lo stesso percorso che percorri ogni giorno. La tua …

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *