Veri colori che brillano attraverso

La maggior parte di noi guarda un uccello e vede la sua forma aviaria in perfetto allineamento con i colori del suo bellissimo piumaggio. Come potrebbe essere diversamente? La forma e il colore sono derivati ​​dallo stesso oggetto e quindi il cervello deve elaborare forma e colore insieme come una percezione unificata. Giusto?

Sbagliato. Il cervello elabora le forme e il colore in circuiti neurali separati, ma poiché queste regioni del cervello comunicano tra loro, la nostra percezione appare unificata.

Per capire come funziona tutto ciò, facciamo un esperimento su noi stessi per separare (e quindi ricombinare nel nostro cervello) i colori e le forme da un’immagine. Useremo un’illusione chiamata Color Assimilation Grid, sviluppata da Øyvind Kolås, artista di media digitali e sviluppatore di software.

Credito: Steven Dakin (immagine originale di Rosellas orientali da www.animal.photos)

Innanzitutto, applichiamo uno schermo agli uccelli (sopra) in modo da poter campionare i loro colori ma liberarci della maggior parte delle informazioni sulla loro forma. Prendiamo semplicemente l’immagine originale e la sfuociamo (per scomporre le informazioni sulla forma, non mostrate) e quindi moltiplichiamo i pixel risultanti in modo graduale pixel per pixel con uno schermo a griglia delle stesse dimensioni del immagine originale. Nello schermo, i pixel bianchi equivalgono a 1 e le regioni grigie equivalgono a zero, quindi il risultato è un campione a quadri sfocato colorato dei colori degli uccelli.

Attestazione: Steven Dakin (originale da www.animal.photos)

Ora che abbiamo ridotto le informazioni sulla forma e campionato i colori, dobbiamo fare il contrario: campionare le forme dopo aver diminuito le informazioni sul colore, in modo da poter successivamente mescolare i due per vedere come forma e colore si assimilano nel cervello. Per creare l’immagine di sola forma, prima trasformiamo l’immagine originale in scala di grigi (sopra) e quindi applichiamo l’inverso dello schermo che abbiamo usato nel campionamento del colore. Il risultato è un’immagine in scala di grigi degli uccelli con le informazioni sulla forma conservate, sovrapposte a una piccola griglia di spazi vuoti in cui possiamo successivamente aggiungere informazioni sul colore senza alterare il resto dell’immagine.

Attestazione: Steven Dakin (originale da www.animal.photos)

Infine, aggiungiamo i prodotti dei due processi precedenti (l’immagine Blurry Colors e l’immagine Grey Shapes). Mentre lo facciamo, nota che nessuna delle informazioni in entrambe le immagini si sovrappone nello spazio con l’altra immagine, grazie al processo di screening che separa attentamente i pixel dalle due immagini — e presto! otteniamo il Color Assimilation Grid Illusion. Gli uccelli sono per lo più grigi ma sembrano colorati ovunque, perché i nostri cervelli prendono la minuscola griglia di informazioni sui colori e li diffondono liberamente sull’immagine, anche sulle parti grigie! Questo fenomeno percettivo supporta l’idea che i circuiti del nostro cervello elaborano le informazioni sulla forma in modo preciso, mentre elabora le informazioni sul colore in un modo impreciso e impreciso che viene incollato sulle forme secondo necessità … come se dopo il fatto.

Puoi saperne di più sulla Color Assimilation Grid Illusion e su come si collega all’arte e agli altri effetti percettivi nel nostro nuovo Illusions nella rubrica Scientific American MIND di questo mese (Nov-Dic 2019).

Ulteriori letture:

Susana Martinez-Conde e Stephen Macknik (2019), Inseguendo arcobaleni. NOVEMBRE / DICEMBRE | MIND.SCIENTIFICAMERICAN.COM

About admin

Check Also

I cambiamenti costanti tra gli stati mentali segnano una firma della coscienza

Immagina di guidare per lavorare lungo lo stesso percorso che percorri ogni giorno. La tua …

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *